12
aprile

Per un gruppo di bambini delle scuole elementari di Castelguelfo le maschere Dogon non sono più un grande mistero. Un laboratorio, tenutosi in biblioteca nei pomeriggi del 21 febbraio e del 7 marzo, ha permesso loro di conoscerle e crearle, guidati da qualcuno che ne aveva avuto diretta esperienza.

IMG-20170314-WA0005_betty

Foto di Lai-momo

A condurre il laboratorio è stato infatti un richiedente asilo ospitato nel CAS (Centro di Accoglienza Straordinaria) di Castelguelfo, assistito da due amici-collaboratori, provenienti dal Mali e dalla Costa d’Avorio, e dagli operatori della società cooperativa sociale Lai-momo Silvia Pitzalis e Giacomo Dalle Donne. Silvia ha ideato e promosso l’esperienza insieme a Sara Bruni.

Fakaba è figlio di un artigiano maliano della popolazione dei Dogon, che da generazioni creano strumenti musicali e maschere usate in cerimonie rituali, trasmettendo il loro sapere per via patrilineare. I Dogon sono circa 240.000, sparsi nei villaggi della falesia di Bandiagara, a sud del fiume Niger, area che l’Unesco ha dichiarato patrimonio dell’umanità per la sua importanza culturale.

IMG-20170314-WA0003

Foto di Lai-momo

Uno dei due incontri è stato in parte impostato su contenuti teorici, tra cui la presentazione della cultura Dogon. Molte sono state le domande e le curiosità dei bambini coinvolti. Guidati dai “maestri”, ma ispirati dalla libera fantasia, hanno potuto sbizzarrirsi utilizzando pennelli, colori e materiali diversi con cui assemblare e decorare le maschere: cartone, lenzuoli, pezzi di legno, semi, conchiglie.

Le maschere Dogon sono fatte principalmente di legno e i soggetti più rappresentati sono gli animali, le donne e gli antenati. Sono forse il simbolo più espressivo della loro fede e vengono usate durante le cerimonie e le danze rituali, nelle piazze dei villaggi in cui si raccontano storie legate alla ricca cosmogonia Dogon. I danzatori indossano queste pesanti maschere che mettono in contatto il mondo dei morti e degli antenati con quello dei vivi. Spicca fra tutte quella del serpente iminana, che raggiunge i dieci metri ed è custodita in una grotta segreta. Parte del sapere sulle maschere è, infatti, riservato solo a poche persone.

Il laboratorio ha rappresentano un’occasione di scambio e di crescita per tutti. Per i bambini, conquistati da una lezione partecipata e originale, ma anche per Fakaba, che ha potuto condividere anche solo in piccola parte la ricchezza della sua cultura di origine, nei luoghi che lo stanno ospitando. Al termine, Fakaba ha regalato delle maschere da lui realizzate alla biblioteca di Castelguelfo. Un’esperienza che ha entusiasmato e appassionato, e che sarebbe interessante riproporre in altri contesti, allargando anche la platea dei piccoli destinatari.

IMG-20170314-WA0001

Foto di Lai-momo

 

Condividi:Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Share on LinkedIn
6
marzo

Undici richiedenti asilo, quattro macchine fotografiche da condividere, un fotografo-insegnante armato di tanta passione, una città (Ferrara) da scoprire e immortalare. Sono gli ingredienti di una mezza giornata trascorsa dall’insolito gruppo alla ricerca di un dettaglio da fotografare, tra le vie e le piazze della splendida città estense.

20170219_111659

Foto di Lai-momo

L’esperienza rientra in un progetto rivolto ai richiedenti asilo ospitati nel CAS (Centro di accoglienza straordinario) di Castello d’Argile gestito dalla società cooperativa sociale Lai-momo. Il progetto At-tra-ver-so è ideato e condotto dal fotografo Paolo Cortesi ed è realizzato in collaborazione con l’associazione “Insieme si può fare” e il gruppo “Famiglie in rete”. Gli sponsor Ferno Washington di Pieve di Cento ed Emilbanca hanno erogato un contributo economico con cui poter acquistare le reflex digitali (di seconda mano) e il materiale strettamente necessario al loro funzionamento.

A ottobre sono iniziate le lezioni teoriche, negli spazi messi a disposizione dal Comune di Castello d’Argile; dopodiché sono iniziate le escursioni durante le quali mettere in pratica quanto appreso in aula. Prima Castello d’Argile, poi un paio di volte a Bologna, ora Ferrara: Paolo ha portato i ragazzi tra le vie e le piazze cittadine, alla scoperta di monumenti e angoli suggestivi, da vedere attraverso l’obiettivo e immortalare in uno scatto. Sono previsti altri incontri, tra uscite fotografiche e momenti di confronto in biblioteca a Castello d’Argile, dove Paolo resterà a disposizione dei ragazzi, una volta a settimana, per consigli e chiarimenti.

È una grigia domenica di febbraio quando il gruppo varca le mura ferraresi. Per qualcuno di loro è la prima visita. Tra gli sguardi incuriositi di passanti e turisti, anche il sole pian piano viene fuori, e addolcisce i profili da cogliere.

Paolo fa strada, un po’ “Cicerone” un po’ capo-gruppo. Ogni tanto si ferma per dare un’occhiata agli scatti e dà suggerimenti, consigli tecnici per sistemare luce, fuoco, obiettivo. Ogni tanto segnala un buon soggetto, ma spesso non è necessario: i ragazzi in autonomia si lasciano ispirare e immortalano quanto sembra loro degno di attenzione. È anche difficile tenere il gruppo unito: uno di loro resta spesso indietro, preso dall’ispirazione, bisogna fermarsi e mandare qualcuno a recuperarlo.

3att

Foto di Lai-momo

2att

Foto di Lai-momo

Si prosegue poi per la storica via delle Volte, che merita i primi scatti, diretti verso il Castello Estense, cuore della città. Si cerca l’angolazione giusta con cui mettere l’orologio del Castello tra le mani della statua di Savonarola. Ci si ritrova tutti col naso all’insù nella rotonda Foschini, dove si tenta un gioco di specchi. Il gruppo si dirige poi alla scoperta di corso Ercole I d’Este. Cogliere il profilo aguzzo di Palazzo dei Diamanti è una sfida per testare la tecnica acquisita. Il giro termina in piazza Ariostea, dove, infine, da fotografi si diventa protagonisti dell’autoscatto nella tradizionale foto di gruppo.

4att

Foto di Lai-momo

Per usare le parole del suo ideatore: “At-tra-ver-so significa il mare e le terre che questi ragazzi hanno dovuto attraversare, significa incontrarsi attraverso un linguaggio comune, significa imparare il mondo attraverso il mirino di una fotocamera e condividere tutto questo.”

Paolo è convinto che la fotografia sia anche un mezzo di conoscenza e di interpretazione della realtà e, per il target a cui è rivolta questa esperienza, anche uno strumento di integrazione. Al termine degli incontri è prevista la realizzazione di un volume fotografico e di una mostra-evento aperta alla cittadinanza.

Il progetto partecipa anche a un concorso indetto dall’Unione Reno Galliera e dall’AIFO e può essere votato a questo link:

http://www.renogalliera.it/news-unione/–progetto-lunione-fa-la-pace

 

Condividi:Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Share on LinkedIn
9
febbraio

Si chiama Closlieu ed è uno spazio protetto di libera espressione artistica offerto ai richiedenti asilo. È condotto dall’operatrice dell’accoglienza di Lai-momo soc. coop. Juliane Wedell, in collaborazione con lo psicologo Paolo Ballarin, a Riola, frazione di Grizzana Morandi (Bo).

20170119_142849

Foto di Lai-momo

Juliane si è formata a Vienna direttamente con Arno Stern, il fondatore della teoria della “Formulazione” e ideatore del Closlieu. Dall’esperienza di lavoro con gli orfani di guerra a Parigi nel secondo dopoguerra, Stern comprese l’importanza per i bambini di dipingere giocando e creò per loro un allestimento originale, il Closlieu, una stanza in cui esprimere la propria creatività, dipingendo senza inibizioni. Da allora il suo campo di studi si è allargato, portandolo a definire una “Semiologia dell’Espressione” e a continuare a studiare e insegnare nel suo atelier di Parigi e nel mondo.

Creando il Closlieu, Arno Stern ha dato alla sua attività il nome di “Educazione Creatrice”, teoria che si pone all’opposto di tutto ciò che è condizionamento, dipendenza, e promuove piuttosto l’autonomia dell’individuo, legando lo sviluppo personale all’esperienza sociale. L’attività nel Closlieu, in quest’ottica, permette all’individuo di realizzarsi tra gli altri, non contro gli altri. Le conseguenze hanno una ricaduta sul lungo termine nella vita di tutti i giorni.

Il Closlieu di Riola è stato inaugurato il 25 novembre 2016, con in programma un’attività a settimana. Attualmente vi dipinge un gruppo di circa 10 ospiti pakistani e africani, non solo del CAS di Riola, ma anche provenienti da altre strutture di accoglienza nei comuni del Distretto Unione Comuni Appennino Bolognese (Vergato, Castel d’Aiano, Granaglione, Lizzano). Da poco si è partiti con un secondo appuntamento settimanale, per aumentare e distribuire meglio il numero di partecipanti. L’attività nel Closlieu vuole essere di sostegno psicologico, offrendo la possibilità agli ospiti di sbloccarsi, di gestire le proprie emozioni, di equilibrarsi e rafforzarsi in generale.

Ma come funziona? La stanza in cui si tiene il laboratorio è rivestita da pannelli su cui sono fissati i fogli con delle puntine, mentre al centro c’è un tavolo lungo e stretto con 18 barattoli di colori e 3 diversi pennelli per colore. Nel Closlieu si dipinge in totale libertà e seguendo i propri tempi, in piedi e rispettando un rituale preciso: tenere con cura il pennello, utilizzare un solo colore per volta, non giudicare il proprio dipinto o quello altrui. Così si dà spazio alla propria espressione artistica, liberi da giudizi e competizioni, con la spensieratezza di un gioco e la serietà di un lavoro.

20170119_144549

Foto di Lai-momo

A condurre il gioco espressivo è il Practicien, che non giudica, non insegna e non interpreta, ma come un “servitore”, favorisce l’espressione artistica. È Juliane quindi, in quanto Practicien ad aggirarsi discreta per la stanza, sorridendo e incoraggiando, sistemando i pennelli e controllando acqua e colori. Tra i partecipanti l’approccio all’attività è vario, com’è naturale: c’è chi si presta subito con grande serietà e concentrazione dall’inizio alla fine; chi si avvicina al foglio bianco timidamente e sembra restio a prendere il pennello, forse temendo il giudizio degli altri o considerandosi incapace, ma che poi, con i propri tempi, arriva a darsi da fare, pennellata dopo pennellata. Pian piano emergono dal foglio bianco profili di case, animali più o meno realistici, elementi naturali e anche i propri nomi. Qualcuno sposa un colore e non se ne separa, altri spaziano di più nella gamma cromatica. L’atmosfera è rilassata e distesa.

Al momento di interrompere, qualcuno sembra indugiare fino all’ultimo, ormai assorbito dal lavoro.

Dopo un’ora e mezza circa di attività, Juliane lascia i fogli appesi per chi chiede di poter terminare la volta successiva, e recupera i lavori completati segnando la data e il nome dell’autore: è importante per monitorare l’andamento dell’attività di ciascuno nel tempo, osservando l’evoluzione del tratto, dei colori, dei soggetti rappresentati. L’attività che si svolge a Riola non è art therapy, ma ha un effetto terapeutico. I partecipanti mettono per qualche momento da parte il mondo fuori e, si spera, tengono a bada qualche preoccupazione interiore, entrando nella dimensione positiva della libera espressione artistica. I risultati più duraturi possono vedersi, probabilmente, solo con il passare dei mesi, ed è questo l’obiettivo di Juliane e del suo laboratorio, che si propone di continuare e consolidare nel tempo.

Può essere una sfida interessante, inoltre, pensare di aprire in futuro il Closlieu anche alla comunità locale, condividendo l’esperienza positiva tra nuovi arrivati e residenti storici.

Per info http://www.arnostern.com

Condividi:Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Share on LinkedIn
23
novembre
Foto di Lai-momo

Foto di Lai-momo

Una calda giornata di agosto, nella struttura pavanese del Mulino del Chicón, cucina in compagnia e un bel pranzo abbondante: un giorno estivo perfetto non solo per i padroni di casa, Maria Rosa e Silvano, e per i cittadini di Marzabotto, ma anche per Haroon, Dilawar, Manasaf e Riaz, richiedenti asilo di Porretta. Si è infatti svolta a Ferragosto l’ultima giornata in ordine di tempo prevista dal progetto “Contaminazioni in Cucina”, sviluppato da Lai-momo con la partecipazione della Banca del Tempo, del Gruppo Ambiente, della Consulta del Volontariato e del Gruppo di Acquisto Solidale di Marzabotto-Monte Sole (Gasbotto). L’obiettivo, accorciare le distanze tra i cittadini di Marzabotto e i richiedenti asilo ospiti delle strutture di Lama di Setta e Porretta, nella convinzione (molto italiana, ma non solo) che passare un po’ di tempo a tavola insieme sia la strada più veloce per la conoscenza reciproca. E la conoscenza reciproca, come sappiamo, abbatte paure e pregiudizi.

Il progetto è partito presso un’abitazione privata, passando poi per l’Associazione Caracola di Luminasio, con la partecipazione della Vicesindaca di Marzabotto Valentina Cuppi che si è cimentata nella preparazione di pane tipico pakistano (chapati). Le attività hanno coinvolto richiedenti asilo sia pakistani e bengalesi che provenienti dall’Africa sub-sahariana. Alla cucina degli ospiti, con ingredienti acquistati sia in negozi del territorio che in punti vendita etnici di Bologna, si accompagnavano i piatti italiani portati dai volontari, che spesso hanno contribuito con torte ed altri dolci. I costi degli ingredienti, scelti dagli ospiti stessi, venivano poi coperti dai partecipanti e membri dell’associazionismo. Questo quinto incontro, ultimo nel tempo ma non inteso come chiusura del progetto, si è quindi svolto al Mulino tanto caro a Francesco Guccini e all’Appennino tosco-emiliano, con una contaminazione di cucina italiana e pakistana.

Foto di Lai-momo

Foto di Lai-momo

Si è partiti alle 10:00, perché la preparazione sarebbe stata lunga: riso, pollo, zenzero e spezie, per un piatto di pulau semplice da preparare anche nei pentoloni del fornello da giardino, accompagnato dalla salsa Raita fatta con i peperoncini, l’aglio e lo yogurt. Ancora, si è preparato uno stufato di okra e pomodori, corredato di pane chapati impastato e cotto sul momento e salsa chutney con “pochi” (tantissimi) peperoncini. Alla cucina dei piatti pakistani si è accompagnato un “workshop” sul pesto, che gli ospiti hanno imparato a preparare con il basilico fresco dell’orto e che è stato poi servito in un bel piatto di trenette, e la visita al vecchio mulino. A chiudere il tutto, una buona fetta di torta: non stupisce che il pranzo si sia dilungato fino alle 16.00, o che abbia riscosso tanto successo da aver portato alla luce una serie di nuove idee: un ricettario, una serata di approfondimento sul viaggio in Pakistan che alcuni dei commensali avevano compiuto e, naturalmente, la promessa di cucinare ancora una volta insieme.

Condividi:Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Share on LinkedIn
24
ottobre

Di Magomed, Sehmuz, Heda, Amel e Ali – ma anche di Enea – si è parlato lo scorso 21 settembre, in un’iniziativa contemporanea con la Grecia, la Norvegia e la Svezia. Parliamo della presentazione, presso il cinema dell’Associazione Culturale Kinodromo, del documentario “At Home in the World” di Andreas Koefoed. Questo documentario è il racconto della vita quotidiana di cinque bambini, con nazionalità e origini diverse, che hanno però attraversato la medesima esperienza migratoria e sono ora accolti come rifugiati in un asilo della Croce Rossa danese. La proiezione è stata organizzata come iniziativa del network europeo di distribuzione documentaristica Moving Docs, a sua volta fondato dallo European Documentary Network, di cui fa parte dal 2015 anche Doc/It, l’Associazione dei Documentaristi Italiani. La serata si è svolta con la collaborazione di Al Jazeera English, Witness – Al Jazeera e Lai-momo.

Foto di Lai-momo

Foto di Lai-momo

Continua a leggere

Condividi:Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Share on LinkedIn
31
agosto
Foto di Lai-momo

Foto di Lai-momo

Polenta con ragù o stracchino. E un bicchiere di vino, per stare insieme. A Lama di Reno, frazione di Marzabotto, come in tanti altri comuni d’Italia, il volontariato si è mobilitato per le vittime del terremoto e l’organizzazione di una polentata è stato il modo più naturale. Anche i richiedenti asilo ospitati nel Centro di Accoglienza gestito da coop. Lai-momo hanno partecipato, con un contributo della cooperativa per le polente, ma anche con una piccola somma offerta personalmente da loro. “E’ poco, lo sappiamo, in confronto alla tragedia che ha colpito tanti cittadini italiani”, hanno detto, quasi scusandosi, nel consegnarla all’assessora ai Servizi Sociali del Comune. Continua a leggere

Condividi:Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Share on LinkedIn
30
giugno
20160517_101115

Foto di Lai-momo

Un martedì mattina come gli altri presso le aule della Scuola Medie di Vergato, ma non proprio come tutti gli altri perché nell’ora di francese al posto della solita professoressa Mariateresa Verderame, gli insegnanti sono quattro richiedenti asilo provenienti dal Mali e dalla Costa d’Avorio. Scelti per il loro buon livello di italiano e il loro ottimo francese, sono loro a condurre la lezione (con la collaborazione della professoressa di francese, di italiano, di due operatori Lai-momo e con la presenza iniziale della vice-sindaco del Comune). Continua a leggere

Condividi:Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Share on LinkedIn
23
giugno

In occasione della Giornata Mondiale del Rifugiato, la campagna di comunicazione del progetto SPRAR del Comune di Bologna, Bologna cares!, è arrivata nelle strade e nelle piazze della città. Protagonisti della campagna sono Abdou ed Emilia, i due personaggi ideati da Bloomik e Lai-momo per il video “Accoglienza: una scelta positiva”. Continua a leggere

Condividi:Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Share on LinkedIn
1
giugno
IMG_2796

Foto di Lai-momo

Sono ben pochi coloro che, viaggiando, non abbiano voluto conoscere la cucina del Paese visitato: la cucina è una parte inseparabile di ogni background culturale e mangiare i piatti tipici è uno dei modi più immediati per immergersi in un territorio specifico. Non sorprende, quindi, che alla Festa dei Sapori di Bentivoglio, che quest’anno si è tenuta mercoledì 18 e sabato 21 maggio, abbiano partecipato i quattordici ospiti del CAS che si trova nel Comune del Distretto di Pianura Est. La festa è stata organizzata dal Centro Sociale “Il Mulino”, con il patrocinio del Comune di Bentivoglio. All’interno di questa festa, protagonista è stato lo scambio di piatti tipici provenienti dai quattro angoli del mondo, con cittadini di diverse origini che si sono riuniti a preparare i piatti tipici della loro tradizione.

Quest’anno, anche i richiedenti asilo hanno contribuito in prima persona con un piatto di biryani. Pietanza conosciuta in un gran numero di varianti dall’Iran alle Filippine, il biryani preparato dagli ospiti aveva una base di riso basmati, pollo e una buona quantità di spezie. Il piatto è stato mangiato dagli ospiti e dagli organizzatori, ma anche venduto ai numerosi cittadini di Bentivoglio accorsi alla festa. A fine serata, uno degli ospiti si è unito all’esibizione del gruppo di musicisti marocchini, e ha cantato con l’accompagnamento del violino elettrico.

Non è la prima volta che il Centro Sociale “Il Mulino” coinvolge i richiedenti asilo di Bentivoglio: negli ultimi due anni, i membri del centro si sono impegnati in prima persona nel reperimento di abiti e biciclette, nella conversazione a supporto del corso di italiano e nelle iniziative di inclusione sociale. Di certo, questa è stata una delle occasioni più divertenti: e d’altra parte, l’accoglienza e la conoscenza sono sempre più semplici quando si è seduti insieme intorno a una tavola piena di buon cibo.

Condividi:Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Share on LinkedIn
30
maggio

Il primo maggio, Festa dei Lavoratori, è stato celebrato da alcuni ospiti di Villa Angeli in collaborazione con la CGIL. Le competenze relative al lavoro artigianale, che molti richiedenti asilo hanno maturato nei loro Paesi d’origine, rimangono anche in Italia un patrimonio utile e da valorizzare: per questo, insieme agli operatori dell’accoglienza, alcuni di loro hanno organizzato un laboratorio sartoriale nelle settimane precedenti il primo maggio. I prodotti finali, che spaziavano da maglie coloratissime, a borse e a cuscini, sono stati presentati in Piazza Nettuno a Bologna.

Foto di Lai-momo

Foto di Lai-momo

Continua a leggere

Condividi:Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Share on LinkedIn